Regolamento dei Personaggi

(APPROVATO maggio 2007; revisione settembre 2007; revisione settembre 2015)  

Regolamento per i Personaggi

 

  • I giocatori sono tenuti ad osservare un comportamento coerente all'ambientazione del gioco. E’ quindi obbligatorio interpretare seguendo il proprio allineamento e le caratteristiche tipiche della razza scelta all’iscrizione. Ogni giocatore chiaramente potrà scegliere di caratterizzare nella maniera più libera il proprio personaggio.
  • Nel rendere il carattere del proprio personaggio, e nel caratterizzarlo e descriverlo fisicamente, i giocatori dovranno fare in modo di rispettare gli aspetti tipici del Mondo Tolkieniano. Un Beorniano (per esempio) non potrà mai essere esile e basso. Mai e poi mai potrà andare d’accordo con Orchi e Warg. In modo analogo, un Nano non potrà mai superare una determinata altezza, difficilmente sarà simpatico e accondiscendente, così come un Orco non sarà mai un buon elemento. 
  • Un giocatore desideroso di differenziare il proprio personaggio con caratteristiche fisiche o razziali leggermente differenti da quelle comuni, potrà contattare un Master e, previa una credibile e coerente giustificazione dal punto di vista del gioco, farsi accordare la modifica.
  • Un giocatore è tenuto a non tartassare lo staff (Master e Guide in particolare) con richieste di ammissione, domandando ruoli, cariche o oggetti speciali, magari immeritati. I riconoscimenti, col buon gioco, vengono da se. Questo però non fa si che il GdR ruoti attorno al desiderio di ottenere ruoli ed oggetti.
  • I giocatori non sono obbligati a rivolgersi agli altri giocatori in maniera formale o informale. Si può scegliere se dare del voi o del tu agli altri PERSONAGGI, in base alla caratterizzazione del proprio PG. E’ però bene sapere che (a parte VOLONTARIE forme di rispetto verso chi si sa essere più grande) non è sensato rivolgersi agli altri GIOCATORI dando loro del VOI (via sussurri, nelle bacheche OFF Game, e via messaggi privati). E’ dunque dovere di ogni giocatore imparare a distinguere le due cose.
  • Gli utenti sono tenuti a servirsi correttamente di TUTTI gli oggetti messi a loro disposizione. I cibi, per esempio, andranno dunque consumati in locanda, e non ovunque. E’ bene interpretare, piuttosto che limitarsi a un clic.
  • Draghi, aquile e cavalli sono beni preziosi. Non solo sono utili per gli spostamenti nella vasta Terra di Mezzo, che vengono così notevolmente semplificati, ma sono dei veri e propri compagni per il proprio personaggio; importante è ricordare che proteggono il PG dagli attacchi delle ombre. Ciò implica che, una volta ottenuto, il giocatore deve considerarlo un PNG, e sarebbe bene che chiunque giocasse ANCHE il proprio compagno animale (inserendolo magari nelle quest, nelle azioni, e quant’altro). Ottenerlo può essere semplice, basta aver ottenuto un minimo di confidenza col gioco e con l'ambientazione.
    Bisogna però evitare di postare ripetutamente messaggi come:
    AAA Drago/Cavallo/Aquila cercasi!!
    nelle bacheche e nei Forum (in particolare in quelle ON Game).
    Lo staff potrebbe provvedere a cancellare questi messaggi, e gli altri giocatori sono tenuti a non considerarli affatto. Questo perché anche l’appropriarsi di una bestia, fa parte del GIOCO, ed è dunque bene che ciò avvenga tramite giocate attive, tra personaggi e non tramite favore fra giocatori.
  • I mestieri, come gli animali, servono ad arricchire il proprio personaggio. Quando si completa l’apprendimento di un mestiere (ovvero quando il livello è 100, e si può dunque operare) è bene che si INTERPRETI questo. Un cuoco, dovrà preoccuparsi di cucinare in locanda, in ON, e non semplicemente preparando cibo con una frase standard. Così tutti gli altri. I Master provvederanno a richiamare coloro i quali non mostreranno serietà nello svolgere i propri compiti dopo aver deciso spontaneamente di ricoprirli.
  • Ogni giocatore è tenuto a scegliere il proprio animale, i propri oggetti e la propria occupazione (classi e mestieri da conseguire) in base alle caratteristiche fisiche e caratteriali della propria razza. Un Nano potrebbe essere un fabbro, un orefice, e un guerriero. Un uomo potrebbe adattarsi un po' a tutto. Ma un Troll, sarebbe un oste gradito ai clienti...?
    Come per i mestieri, gli animali, non vanno scelti a caso, solo per la brama di possederne uno. Non ha senso che un Orchetto poggi sulle piume di un'Aquila Gigante. Il medesimo discorso è valido anche per gli oggetti (armi, in particolare). Inutile fornire ulteriori esempi.
  • Un giocatore che si accorge del comportamento scorretto da parte di un Master, può inizialmente richiedere chiarimenti (possibilmente tramite messaggio PRIVATO) allo stesso. In caso di ripetute scorrettezze, anche se giustificate, da parte del Master in questione, l’utente potrà mettersi in contatto col responsabile dei Master che provvederà ad intervenire sulle divergenze.
    Per comportamenti scorretti si intende: 
    - Punti Esperienza concessi APPARENTEMENTE senza la benché minima giustificazione.
    - Oggetti concessi senza giustificazione, a chi più aggrada al Master.
    - Palese parzialità nell’arbitrare gli incontri, gestire le giocate, o chiara preferenza di uno o più giocatori rispetto agli altri.
    - Ovvio ostracismo verso qualche giocatore in particolare.

  • Qualora non si desideri partecipare assiduamente a quest ed affini ma si prediliga l'esplorazione solitaria, sono stati predisposti meccanismi 'saltuari' che consentono di aumentare automaticamente alcuni punteggi. Il procedimento è certamente più lungo, tortuoso ed erratico ma adatto allo spirito esplorativo. Inoltre i master hanno comunque possibilità di rimodellare questi punteggi. Resta comunque inteso il fatto che chi si trova nella TdM è un personaggio attivo, per definizione, in ogni circostanza e luogo e come tale deve comportarsi, sempre. Gli dovesse capitare di evidenziarsi (basta anche solo che il compagno animale si veda...) in un luogo dove è in corso una quest ne diventa un elemento attivo e se ... 'una magia imprigiona tutti ' sarà così anche per lui. Non basta dire: "Ma io non sto giocando con voi.
  • I giocatori sono tenuti a servirsi, in ogni occasione, unicamente degli oggetti posseduti effettivamente dal proprio personaggio. Non saranno consentiti dunque oggetti immaginari, qualora sia possibile acquistarne uno simile. Spade e altre armi, così come cibarie, gioielli, o (come spesso accade) Cavalli, dovranno essere comprati in modo che compaiano nell'avatar. I giocatori potranno decidere di non considerare coloro che non rispetteranno questa regola, e i Master saranno tenuti a prenderne atto.
  • Il Regolamento di eXtramondo prevede che Utenti e Membri dello Staff costruiscano personaggi con Immagini di Avatar e Immagini Bacheca in linea con l'ambientazione e preferibilmente immagini disegnate. Vengono tuttavia accettate anche fotografie, purché queste, non siano lesive e/o conflittuali con l'ambientazione e che abbiamo subito un'elaborazione grafica tale da renderle idonee. Lo Staff di eXtramondo si riserva il diritto di vietare e valutare immagini anche nel singolo caso, se si ritiene che tali, siano non rispondenti allo stile di eXtramondo e troppo moderne rispetto al periodo storico in cui il gioco è collocato.